Alla luce della situazione attuale di emergenza, la Romagna Visit Card ha deciso a malincuore di prendersi una pausa in questo 2020.

L’intero sistema turistico, non solo quello del nostro territorio, sta vivendo un momento molto difficile; per questo, siamo già al lavoro per rendere la Card uno strumento ancora più evoluto ed integrato, che possa contribuire a una maggiore attrattività del territorio e al rilancio del settore, una volta superata l’emergenza.
Per tutti gli aggiornamenti continuate a seguirci sulla pagina Facebook, che rimane sempre attiva come canale informativo e punto di contatto con gli utenti.
A presto!

Notice
  • Google Geocoding API error: The request was denied.

Anfiteatro Romano - Rimini

Con l'Arco d'Augusto e il Ponte Tiberio forma la triade dei principali monumenti risalenti all'epoca romana custoditi dalla città. Eretto sotto Adriano nel II secolo d.C., come attesta il ritrovamento in una muratura di una moneta con l'effige dell'imperatore, rivenne alla luce in seguito agli scavi del 1843-44 a cui seguirono quelli più importanti del 1926 e del 1935. La costruzione nel II secolo d.C. dell’Anfiteatro da parte dell'imperatore Adriano interpreta la strategia del panem et circenses nella ricerca del più ampio consenso e dell'allentamento delle tensioni sociali con la concessione di momenti di evasione collettiva. Le vestigia del grandioso edificio che ospitava i ludi gladiatori, sono le più significative di tutta la Regione. Il monumento sorgeva in una zona periferica, vicina al porto e ben inserita nel sistema viario per agevolare il flusso del pubblico che accorreva anche dal territorio. La struttura in laterizio, di forma ellittica, misurava nell'asse maggiore m 118 e nel minore m 88 ed era formata da quattro anelli concentrici dello spessore complessivo di m 21,80. Le dimensioni dell'arena ellittica (m 73,76 e m 44,52) lo avvicinano al Colosseo. L'altezza era di m. 16-17. Il portico esterno si componeva di 60 arcate; ne sono ancora visibili due, inglobate nelle mura quando per fronteggiare le invasioni barbariche la città si dotò di una nuova cinta difensiva. Nel medioeveo fu adibito a orti e nel XII secolo a lazzaretto. Subì i danni più gravi durante la seconda guerra mondiale. Dal grandioso complesso, capace di ospitare in origine fino a 12.000 spettatori, ora sono visibili le due arcate del portico esterno a parte dell'arena e della cavea.

Address

  • Indirizzo: Via Vezia
  • Città: Rimini

Contact