Villa Romana - Russi (RA)

La Villa Romana di Russi è una delle ville rustiche meglio conservate dell'Italia settentrionale.

Sita a circa 20 km ad ovest di Ravenna, fu edificata al centro di un vaso podere i cui prodotti erano destinati agli uomini della flotta militare romana di stanza a Classe, antico porto di Ravenna.

Fino al I sec. a.C. tali ville rustiche erano modeste case di campagna di dimensioni ridotte. Si producevano cereali, vino e frutta e si allevavano pochi animali da cortile, suini, bovini, ovini e caprini. La produzione bastava alla sopravvivenza della famiglia e le eccedenze confluivano in un modesto commercio locale.
In epoca augustea, con la costruzione del porto di Classe e il conseguente ampliamento del centro urbano di Ravenna, che richiese un consistente e continuo approvvigionamento dalle campagne limitrofe, la Villa Romana di Russi si ampliò notevolmente nelle sue strutture, come risulta dall'analisi degli scavi.

Rinvenuta negli anni ‘50,la Villa Romana, è oggetto di continue campagne di scavo.

L'attuale sito corrisponde alla seconda fase dell'edificio, risalente alla prima epoca imperiale (I sec., II sec. d.C.), sorto su una precedente costruzione di epoca repubblicana. Il complesso si presenta come un grande rettangolo orientato sull'asse nord-sud, circondato completamente da un porticato sorretto da colonne in mattoni.
Nel rettangolo si possono individuare due peristili (cortili porticati): uno piccolo residenziale e una grande corte rustica. Il quartiere del Dominus è situato a Nord: sicuramente consisteva in un edificio a due piani, adorno di eleganti pitture parietali e con pavimenti in mosaico bianco e nero a motivi geometrici.
A nord- ovest si può vedere un piccolo quartiere formato da tre stanze, era destinato al Villicus (il fattore) o al Procurator (amministratore) che fungeva da intermediario fra la residenza del Dominus e le abitazioni dei servi. Il resto della pars rustica , aperto sulla grande corte porticata, era costituito da impianti produttivi e di conservazione dei prodotti agricoli e da strutture per l'irrigazione(cisterne e pozzetti).
Scavi recenti a est hanno messo in luce un frutteto cintato da un portico che forma il lato di un nuovo quartiere abitativo con stanze riscaldate.

Il materiale archeologico recuperato dimostra che la villa era ben inserita nel perimetro commerciale circostante. 
Sembra evidente che il complesso di Russi sia un buon esempio di quelle ville rustiche che furono importantissime per il processo di romanizzazione della zona con la loro peculiarità produttiva,  economica e culturale.
Il porto di Ravenna, che aveva determinato il sorgere e il fiorire della villa di Russi, ne decretò con il suo impaludamento e quindi la sua fine, anche la rovina e l'abbandono.
La villa, coperta dalle alluvioni e dalle acque del Medio Evo, scomparve definitivamente.

Indirizzo

  • Indirizzo: Via Fiumazzo, 25
  • Città: Russi (RA)

Contatti